Notizie 1, 2, 3..

Aste immobiliari: prezzi continuano a scendere

asta

Nel corso degli ultimi anni funestati dalla crisi, il mercato immobiliare ha registrato profondi cambiamenti. È quanto sostenuto da Confedilizia.

La grande difficoltà incontrata del settore immobiliare è dovuta anche alla elevata tassazione, che ha generato un divario incolmabile tra i prezzi di vendita nelle aste immobiliari e quelli stimati dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate.

È stato infatti rilevato che si sono verificati casi in cui il prezzo è letteralmente crollato a un quinto rispetto al valore previsto dall’Osservatorio.

Questi sono i dati che sono stati diffusi nella indagine “La lente sul mercato immobiliare”,  presentata recentemente da parte di Confedilizia.

Dal rapporto si evidenzia come oltre ai motivi dovuti alle logiche di mercato di domanda ed offerta, si sono sommati quelli relativi alle politiche fiscali, che hanno implicato, nel corso degli ultimi anni, l’allontanamento da parte degli investitori dal tradizionale mercato immobiliare.

Le case oggi vengono vendute nelle aste praticamente ad un quinto del valore previsto dall’Omi e pertanto lo stesso osservatorio ha sottolineato che il rischio che si sta correndo è di creare un catasto disarmonico e per nulla realistico.

Uno dei motivi è l’elevata tassazione, a cui ha contribuito anche l’introduzione dell’ultima imposta nata, la Tasi, in quanto è stato rilevato che in alcuni casi risulta addirittura superiore rispetto alla tanto bistrattata Imu.

Diviene perciò fondamentale rilanciare il mercato attraverso una efficiente riforma del catasto.

L’Osservatorio considera fondamentale far partecipare al decreto legislativo in materia, anche tutte le rappresentanza del mondo immobiliare, e non invece escluderle dalle commissioni censuarie.

Una crisi profonda che ha colpito il mondo del mattone, dalla quale, con le giuste leggi ed il sano confronto tra le parti, è comunque possibile uscirne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *