Notizie 1, 2, 3..

Come investire in ETF nel 2016

Gli ETF ( Exchange Trader Found ) sono strumenti di investimento passivi e possono essere considerati un compromesso fra un titolo azionario ed un fondo di investimento, perchè per loro natura assumono caratteristiche di entrambe le categorie, con i vantaggi ed i rischi che questo comporta.

Gli ETF sono panieri di titoli acquistabili come azioni e come esse facilmente acquistabili e rivendibili. Gli ETF infatti rispondono in modo quasi fedele al benchmark, ovvero all’indice che esprime l’andamento del titolo in borsa. Tali titoli costituiscono un buon metodo per accantonare somme di denaro (sotto forma di azioni), spendendo poco sui costi di gestione e senza un’eccessiva immobilizzazione. In questo articolo cercheremo di spiegare come e dove investire in Borsa utilizzando questo strumento finanziario.

Vantaggi e Svantaggi

Questo metodo di investimento è sempre più diffuso all’estero e in Italia perchè non richiede particolari competenze ed offre numerosi vantaggi a chi ne è possessore.

investire in ETFIl vantaggio principale di questo tipo di investimento è proprio la caratteristica che lo rende catalogabile allo stesso tempo come azione. Questo accade perchè se un ETF è quotato in borsa, può essere negoziato con estrema facilità e prontezza; questa loro natura permette di accantonare un partrimonio senza pagare il prezzo dell’immobilizzazione, come invece accadrebbe investendo su una casa o un fondo commerciale.

L’ETF, pur essendo un pacchetto di azioni quotato in borsa, costituisce un investimento a basso rischio. Come già accennato questo prodotto finanziario è un paniere di titoli, quindi il rischio viene distribuito grazie alla naturale diversificazione del capitale offerta dall’ETF.

Lo svantaggio nell’acquisto di questa soluzione di investimento è il rendimento non particolarmente alto. L’ETF infatti non offre rendimenti molto sostanzioni ma essi vengono compensati con le basse spese di gestione del fondo. Piattaforme, banche e istituti postali richiedono per la gestione di questo fondo passivo somme molto esigue che raramente superano il tasso dell’1% annuo.

Come investire in ETF oggi

Come già accennato gli ETF hanno subito un incremento nell’ultimo biennio, per quanto riguarda il loro utilizzo nel nostro paese. Negoziarli è molto semplice e poco oneroso, inoltre si hanno diverse opzioni per entrare a far parte di questo tipo di trading.

E’ possibile investire in ETF presso Poste Italiane e la maggior parte delle banche nazionali: questa è la soluzione ideale se non si è esperti in materia e ci si approccia a questa tipologia di trading per la prima volta. Se invece ci si vuole affidare alle proprie conoscenze e si desidera avere una scelta più ampia, si può praticare questo trading comodamente online registrandosi alle ormai numerose piattaforme che si occupano di investimenti in ETF.

NAV e negoziazione di ETF

Un ultimo importante consiglio, se si ha in mente di negoziare (vendere o acquistare) un paniere ETF, è quello di tenere in considerazione un dato molto importante: il NAV.

Il NAV ( Net Asset Value ) è il valore che il titolo ha alla chiusura giornaliera della borsa. Questo valore deve farci da monito perchè se si vende l’ETF è necessario farlo per una cifra uguale o superiore al suo valore, espresso dal NAV. Viceversa se ci si appresta ad investire, è bene non “strapagare” un titolo rispetto a quello che è il valore odierno del NAV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *