Notizie 1, 2, 3..

Gadget aziendali: come sfruttarli al meglio

I gadget aziendali stanno vivendo una seconda giovinezza, anche grazie alle nuove tecnologie, che permettono di personalizzare praticamente qualsiasi oggetto o prodotto. Via libera quindi alla tradizionali matite con il logo dell’azienda, ma anche a tazze, sottobicchieri magliette e, perché no, anche a creme per le mani o altri prodotti simili. Del resto produrre quantità infinite di questo tipo di oggetti non ha un costo così elevato, mentre i guru del marketing dichiarano che il ritorno dal punto di vista dell’immagine è molto elevato.

Dove distribuire i gadget

gadget aziendaliPerché i gadget aziendali abbiano successo l’importante sta nella possibilità di farli “circolare”. Infatti la loro utilità non è solo diretta, quindi non servono esclusivamente a pubblicizzare il nostro marchio alla persona che li possiede, ma soprattutto a renderlo noto all’entourage di coloro che ne ottengono uno. Conviene quindi fare in modo che i gadget prodotti non rimangano in uno scatolone in cantina, ma che siano rapidamente distribuiti, possibilmente ad un pubblico mirato.

I luoghi migliori in cui diffondere i nostri gadget sono quindi le fiere di settore, soprattutto quelle per addetti ai lavori. Si tratta infatti di poter lasciare uno strumento pubblicitario nelle mani di chiunque visiti il nostro stand, in modo che lo portino con sé e lo facciano vedere ad altri.

Quali gadget

Le caratteristiche di un gadget pubblicitario sono essenziali alla buona diffusione del messaggio. Una maglietta che stinge, una matita che si rompe, un righello che si piega, gadget di questo tipo non dovrebbero mai portare il logo della nostra azienda stampato sopra. Meglio quindi rivolgersi ad aziende che producono accessori e oggetti di prima qualità. La tipologia di gadget migliore non dipende strettamente dal tipo di prodotto che commercializziamo, perché l’importante è il messaggio pubblicitario.

Quindi, potremo utilizzare qualsiasi gadget ci sembri opportuno, anche se non è direttamente correlato ai prodotti che vendiamo o ai servizi che forniamo. L’importante è che sia utile per il nostro target di clientela. Per fare un esempio: se dobbiamo pubblicizzare una ditta che noleggia mountain bike, forse sarà inutile avere come gadget aziendale un cucchiaio di legno, perché buona parte dei nostri clienti saranno sportivi appassionati, mentre difficilmente si dedicheranno alla cucina.

Ci sono poi oggetti personalizzabili che utilizzano praticamente tutti, come ad esempio tutto ciò che riguarda la cancelleria, o anche prodotti per il computer, che prima o poi chiunque usa in ufficio.

Cosmetici come gadget

Negli ultimi anni sta diventando sempre più “di moda” utilizzare dei cosmetici personalizzati con il logo aziendale, da utilizzare come gadget. Si tratta di omaggi che piacciono sempre e che si utilizzano poi nel quotidiano a casa. Per prepararli ci si può rivolgere ad aziende come iralab, che si occupa di produzione cosmetici per conto terzi.

Avremo così la possibilità di far produrre cosmetici a misura dei nostri desideri, come ad esempio prodotti per la doccia con profumazioni particolarmente originali o evocative. Anche in questo caso conviene progettare il gadget a misura del nostro cliente ideale, preferendo prodotti per  uomo o per donna a seconda dei casi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *