Notizie 1, 2, 3..

Siti di incontri online: come comportarsi

I siti di incontri online sono nati per offrire un’occasione diversa di incontri e conoscenze con potenziali partner. Nascono per accorciare le distanze fra persone che hanno il desiderio di fare nuove amicizie ed eventualmente stringere relazioni anche amorose.

Oggi i siti che offrono l’opportunità di iscriversi e fare incontri sono diversi e aumentano sempre più a vista d’occhio proprio perché, anche gratuitamente, permettono di conoscere nuovi amici. Chi si iscrive non è detto cerchi una relazione seria, ma sicuramente desidera incontrare qualcuno. La rete è popolata da moltissime persone, e come anche nella vita reale di persone ce ne sono di tutti i tipi. Affidarsi ciecamente ad uno sconosciuto, tuttavia, celato da uno schermo e da tante parole scritte in una chat può essere rischioso se non si valuta attentamente la conoscenza anonima.

Come comportarsi nei siti di incontri online?

incontri onlineLe regole sono poche ma essenziali. È bene sicuramente evitare di affidarsi al primo venuto, perché in rete circolano molte identità virtuali alle quali non è consigliato dare credito senza appurare che le parole scritte abbiano un qualche riscontro con la realtà. Ma soprattutto è bene diffidare di chi resta troppo tempo avvolto nel mistero, di chi non vuole incontrarsi dal vivo, di chi è restio a parlare di sé anche dopo un po’ di tempo.

Soprattutto per le donne è più probabile essere preda di profili fasulli creati per attirare e invogliare la persona ad un dialogo. Il fine è quello di poter flirtare e ottenere un incontro sessuale anche solo virtuale, oppure per chi è sposato, quello di conoscere donne che possono diventare delle amanti. Ecco che chi si iscrive con tutt’altra intenzione, naturalmente potrà restare delusa da questa scoperta.

Proprio per il carattere anonimo della rete e delle conoscenze online, è bene preventivare che dall’altra parte dello schermo ci sia una persona che può non dire tutta la verità sulla propria professione e sulla sua vita privata in generale. Non è certo scontato che questo accada in tutti in casi, ma deve essere preso in considerazione per evitare di restare vittime di raggiri o prese in giro.

Innanzitutto, chiariamo a noi stessi qual è l’obiettivo che ci ha spinti ad iscriversi ad una piattaforma di incontri per single. Poi potremo affinare una ricerca mirata e selezionata in base alle nostre intuizioni, considerazioni e analisi.

Un criterio potrebbe essere quello di scegliere solo profili con foto, oppure di scartare chi scrive poco e male. Non è un atteggiamento classista, naturalmente, ma considerando il mezzo e la modalità, uno dei modi per evitare “truffe” è quello di scegliere la chiarezza.

Un linguaggio oscuro, frasi sgrammaticate, una scarsità di dettagli possono essere sintomo di persone che non hanno voglia di raccontarsi o che hanno necessità di raccontare molto poco. Cosa ne deducete voi?

Un’altra accortezza è quella di evitare di dare subito il proprio numero di cellulare. Il pensiero è che “tanto ci parlo su whatsapp”, ma non è così. Oggi, con la tecnologia sempre più sofisticata, dobbiamo ipotizzare che la nostra posizione geografica sia intercettata da chi ha il nostro numero di cellulare. Questo capita perché gli smartphone sono sempre più dotati di componenti e software così intelligenti da funzionare come veri e propri computer.

Prima di dare i recapiti personali, è bene dialogare con la persona conosciuta in chat almeno per qualche settimana, cercando di approfondire la conoscenza. Anche quando abbiamo la sensazione di parlare bene con qualcuno, al punto che non vediamo l’ora di incontrarlo in chat e di parlarci, è opportuno mantenere sempre quel distacco necessario ad una valutazione opportuna dei risvolti possibili. Non conosciamo ancora quella persona, e tutto può accadere fintanto che non avremo riscontri nel reale. Manteniamo alta la guardia.

Per testare la bontà delle informazioni che ci vengono date, una buona idea è quella di fare più volte la stessa domanda a distanza di tempo. Se mister X o miss Y ha mentito la prima volta, ce ne accorgeremo, perché la sua seconda risposta negherà la prima. Non è detto che funzioni questo metodo, ma può essere uno dei più semplici e immediati per mettere alla prova la sincerità del nostro interlocutore.

Solitamente qualche piccola bugia “bianca” capita, sono soprattutto le donne a dirne per mascherare la loro età, il tallone d’Achille di molte signore non più giovanissime che si iscrivono ai siti di incontri per conoscere uomini. Ma questo tipo di bugia può essere anche accettabile. Ce ne sono altre, invece, che non dovremmo dire o subire. Non è semplice accorgersene, ovviamente, può accadere solo con il tempo e con qualche svista da parte di chi ha omesso o detto la menzogna.

Le bugie peggiori che possono compromettere una relazione che inizia nella deformazione della realtà sono quelle che riguardano la propria professione, il proprio status, le proprie abitudini, quando siano informazioni significative. Ad esempio, se conosciamo una persona che dice di svolgere una professione importante e di guadagnare molti soldi, dettaglio che potrebbe essere irrilevante per qualcuna ma per qualcun’altra no, potrebbe essere compromettente scoprire, poi, nel tempo, che non esiste né quel lavoro né quello stipendio.

E una volta che abbiamo intrapreso una relazione, seppure fondata solo sulla comunicazione, è difficile valutare a mente lucida la situazione. Il contatto online è mediato e filtrato dallo schermo, le parole creano delle vite parallele, quando mentiamo sappiamo di farlo un po’ per gioco un po’ per creare suspense nel voler dare un’idea di sé diversa da ciò che siamo realmente. Fino ad un certo limite può anche funzionare e non portare scompiglio, ma se si va oltre e si crea un’aspettativa che senza dubbio verrà delusa, non si tratta più di un gioco ma di tranello.

Anche nel caso in cui non vi fossero bugie né bianche né “nere”, tanto per distinguerne gli effetti, stringere rapporti online è comunque rischioso perché si costruisce un mondo inesistente, virtuale nella fattispecie, dove è facile credere che quella complicità dialogica sia la premessa per una storia d’amore dalle mille e una notte.

L’atteggiamento migliore sarebbe quello di non illudersi mai quando si conosce qualcuno online, e di restare oggettivi di fronte alle possibilità che abbiamo davanti a noi. Possiamo sia vivere tutto con molta leggerezza, senza coltivare aspettative o illuderci di scenari inesistenti, ma solo trasognati, oppure possiamo appurare – come abbiamo già detto – che quello che crediamo corrisponda al vero.

Lasciarsi trasportare senza un minimo di obiettività da una relazione virtuale non è mai consigliabile.

Fonte dell’articolo: http://incontrieros.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *