Notizie 1, 2, 3..

Smettere di fumare con al sigaretta elettronica

Da qualche tempo, in commercio c’è una nuova alternativa per chi vuole smettere di fumare: si chiama e-cig, meglio nota come sigaretta elettronica.

Si tratta di un dispositivo che si pone un unico obiettivo: aiutare le persone a smettere di fumare. E per farlo la persona che usa questa sigaretta può inserire qualsiasi tipo di liquido. Ma vediamo, esattamente, come funziona. La sigaretta elettronica è composta da una cartuccia, un vaporizzatore, un microchip interno e da una batteria.

Tecnicamente, la batteria fornisce energia all’atomizzatore (un elemento situato tra la batteria e la cartuccia): quest’ultimo scalda il liquido presente nella cartuccia e lo trasforma in vapore. I liquidi che si possono inserire nella cartuccia sono differenti: si va dal classico “gusto” di nicotina a quelli più aromatizzati (fragola, menta, caffè,…). Ovviamente, è possibile inserire anche una dose di nicotina, in base alle proprie esigenze. Potremo, così, avere una dose alta, media, bassa o addirittura nulla.

La sigaretta elettronica, poi, si presenta esternamente come una normale sigaretta. In commercio esistono diversi modelli: da quello base (ribattezzato Categoria), a quello più evoluto (ego) che permette una durata delle batterie superiore, proprio come le ricariche. Abbiamo, poi, la sigaretta elettronica con batterie al litio (big-battery) oppure quella che si presenta come una scatoletta in legno (modello box).

In commercio, quindi, ne esistono di diversi modelli e pensati per ogni tipo di esigenza. C’è da precisare che la sigaretta elettronica, dopo il suo lancio sul mercato, è stata oggetto di numerose polemiche e di tanti dibattiti. Il motivo è semplice: per gli avventori, essa rappresentava (e tutt’ora rappresenta) uno strumento che nasconde dei pericoli. Per altri, invece, la sigaretta elettronica è un valido aiuto per chi vuole realmente smettere di fumare.

Tuttavia c’è da dire che, nonostante i divieti, le polemiche e i dibattiti, la sigaretta elettronica ha vissuto un boom non indifferente nel nostro paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *